PROROGA DETRAZIONI SUGLI IMMOBILI E NUOVE DETRAZIONI IRPEF DAL 2017

  • Post category:Novità

Con la Legge di Bilancio per l’anno 2017 sono state prorogate

  • la detrazione Irpef del 50% in tema di interventi di recupero/ristrutturazione degli edifici esistenti,
  • la detrazione Irpef/Ires del 65% in tema di interventi di riqualificazione energetica
  • la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici: per quest’ultima agevolazione la detrazione (c.d. “bonus arredi”) sarà riconosciuta per le spese sostenute nel 2017 solamente in presenza di intervento edilizio di recupero/ristrutturazione iniziato in data successiva al 1° gennaio 2016.

Gli interventi di riqualificazione energetica sui condomìni fruiscono dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 di detrazioni maggiorate rispetto al 65% commisurate all’entità dei lavori e ai risultati raggiunti.

Intervento

Agevolazione

Scadenza

Note

Recupero edilizio

Detrazione Irpef del 50% in 10 rate annuali di pari importo con soglia massima di spesa di 96.000 euro

31 dicembre 2017

Pagamenti con bonifico bancario/postale “parlante” o in alternativa bonifico ordinario con la dichiarazione sostitutiva rilasciata dal fornitore

Acquisto immobili interamente ristrutturati

Detrazione Irpef del 50% da applicare sul 25% del prezzo dell’unità immobiliare in 10 rate annuali di pari importo con soglia massima di spesa di 96.000 euro

31 dicembre 2017

Modalità di pagamento libera (non c’è obbligo di esecuzione di bonifico bancario/postale)

Bonus arredi

Detrazione Irpef del 50% in 10 rate annuali di pari importo con soglia massima di spesa di 10.000 euro

31 dicembre 2017

Pagamento con bonifico, bancomat o carta di credito. Fruibile solo se già effettuati interventi di recupero del patrimonio edilizio in data successiva al 01 gennaio 2016

Riqualificazione energetica

Detrazione Irpef/Ires del 65% in 10 rate annuali di pari importo con soglia massima di spesa specifico per tipologia di intervento

31 dicembre 2017

Per i privati pagamenti con bonifico bancario/postale “parlante” o in alternativa bonifico ordinario con la dichiarazione sostitutiva rilasciata dal fornitore. Per le imprese modalità di pagamento libera

dott.ssa Gabriella Manca e dott.ssa Daniela Orgiu – AREA CONTABILE E FISCALE

Condividi